La Grande Guerra

 Il 30 novembre scorso si è tenuta l’inaugurazione della mostra sulla Grande guerra alla presenza del dirigente scolastico Eleonora Augello, del sindaco Gabriele Bonci, dell’assessore alla pubblica istruzione Gloria Mei, del maresciallo dei carabinieri Paolo Lovascio, del generale Luigi Chiavarelli, del presidente fondazione Monte di Pietà Lorenzo Fiorelli, di una delegazione dell’Istituto Nazionale per la  Guardia d’Onore  alle reali tombe del Pantheon.

Si tratta di una mostra iconografica, realizzata nell’aula magna dall’Istituto nazionale per la Guardia d’onore alle reali tombe del Pantheon, che consta di 34 pannelli con immagini tratte da La Domenica del Corriere dell’epoca e da un ricco apparato didascalico. Un progetto reso possibile grazie ai professori Sara Mei e Aldo Righi.

Dopo il taglio del nastro, la dirigente scolastica ha salutato e ringraziato le autorità. Il sindaco è intervenuto ribadendo il valore della memoria affinché si possano scongiurare conflitti armati. La professoressa Mei ha invece sottolineato l’importanza di una didattica che faccia avvicinare gli studenti alla realtà dei fatti attraverso mostre, conferenze e viaggi di istruzione, e non solo tramite lezioni frontali

“Il nostro istituto è da sempre sensibile alla memoria realizzando ogni anno giornate dedicate alla memoria del Shoah – fanno sapere i responsabili del progetto, come detto i professori Sara Mei e Aldo Righi – e al ricordo delle vittime delle Foibe con proiezione di film e documentari seguiti da momenti di riflessione e presentazione di lavori svolti dai ragazzi. Tutto questo è stato possibile grazie alla collaborazione del Comune di Fossombrone, all’estrema disponibilità dei delegati per le Marche dell’Istituto delle guardie d’onore del Pantheon. Ci auguriamo che questa iniziativa sia solo l’inizio di una duratura collaborazione per progetti dall’alto valore formativo”.
 
La mostra per il centenario della Grande Guerra (1914-1918) è aperta a tutti fino a venerdì 8 dicembre. La mattina in orario scolastico, il pomeriggio dalle 15 alle 19.30. Vietato mancare.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.